Se ti stia chiedendo cosa significa skam, sappi che è un termine norvegese che si traduce in italiano con vergogna, disagio o imbarazzo.

Continua a leggere per scoprire come mai tutti parlano di Skam anche in Italia.

Cosa significa Skam

Skam è una parola norvegese che viene tradotta in italiano con il termine vergogna. Ecco alcuni esempio sul suo utilizzo:

skammen hun følte etter å ha løyet for foreldrene sine.
La vergogna che lei provò dopo aver mentito ai suoi genitori.

Det er en skam at han aldri gikk på college.
E’ un peccato che (lui) non sia mai venuto al college.

Perché si parla di skam in Italia

Perché una parola norvegese è così utilizzata in Italia? La motivazione è da ricondursi ad una serie TV: SKAM Italia, remake della webserie drammatica per ragazzi uscita in Norvegia nel 2015 ed approdata nel nostro Paese nel 2018. SKAM Italia, è tra le serie di maggior successo degli ultimi anni.

Il 15 maggio 2020 è arrivata su Netflix e su TIMVISION la quarta stagione di SKAM Italia.

Perché la serie si chiama SKAM

Alcuni Paesi che hanno prodotto il remake di Skam hanno mantenuto il nome originale della serie affiancando quello del proprio Paese: SKAM Italia, SKAM Espana, SKAM France, giusto per citare alcuni esempio.

La serie si chiama SKAM in quanto ogni stagione è focalizzata su un personaggio che deve affrontare un “disagio”, qualcosa che non gli permette di stare bene a causa del giudizio altrui. Leggi la trama delle quattro stagioni di Skam Italia e dove guardarle in streaming.

  • SKAM Italia 1° stagione – protagonista Eva Brighi interpretata da Ludovica Martino
  • SKAM Italia 2° stagione – protagonista Martino Rametta interpretato da Federico Cesari
  • SKAM Italia 3° stagione – protagonista Eleonora Sava interpretata da Benedetta Gargari
  • SKAM Italia 4° stagione – protagonista Sana Allagui interpretata da Beatrice Bruschi

 

2020-03-10