Vai a Team World Shop

Niall Horan: “Ecco perchè Nice To Meet Ya è così speciale per me”

Niall Horan parla del nuovo singolo Nice To Meet Ya, della vera storia dietro la canzone, del nuovo album in arrivo e molto altro in un'intervista per Billboard. Leggi la traduzione in italiano.

Niall Horan parla del nuovo singolo “Nice To Meet Ya”, dei suoi progetti futuri, del nuovo album in arrivo e molto altro ancora in un’intervista per Billboard. Leggi qui le sue dichiarazioni tradotte in italiano.

Periodo pieno di impegni per Niall, che si sta concentrando sulla promozione del suo ultimo singolo “Nice To Meet Ya”, pubblicato a due anni di distanza da “Flicker”, il suo album di debutto uscito del 2017. Lunedì 7 settembre a New York l’artista ha ospitato un evento organizzato da Youtube in occasione del quale ha presentato “Nice To Meet Ya” live.

“Nice To Meet Ya” è disponibile in streaming su Spotify e in download tutte le piattaforme digitali: NiceToMeetYa

Prima dell’evento, Niall ha rilasciato anche una lunga ed interessante intervista per Billboard, in cui parla del processo di scrittura di “Nice To Meet Ya”, della vera storia dietro la canzone, del suo nuovo album in uscita, da cosa trae ispirazione per scrivere nuova musica e di tantissimi altri argomenti.

Di seguito la traduzione italiana delle sue dichiarazioni, che puoi leggere in lingua originale qui: niallhoran/billboard

Niall con Nice To Meet Ya a New York:

Niall per Billboard: l’intervista

NIALL SUL SUO TEAM DI SCRITTURA:

“Se non è rotto, non aggiustarlo. Questa canzone è lo sviluppo di “Slow Hands”. Come suonerebbe la sorella di “Slow Hands”, facendo un passo in avanti. Non mi sono mai preoccupato nello scrivere con queste persone. Questo è una sorta di nuovo capitolo per noi”.

SULLA SUA NUOVA MUSICA e SUL NUOVO ALBUM

“Mi piace pensare di aver portato un pò più fuori il mio lato rock. Ho costantemente in mente cose su cui voglio scrivere. Ho appena finito un periodo di pausa, che aiuta quando devi scrivere canzoni. Aiuta a incanalare le emozioni. Quando ho iniziato a scrivere questo album, ero veramente in un bel periodo. Ero così emozionato di mettermi lì e scrivere canzoni, e non preoccuparmi di come sarebbero venute. Solo scriverle e poi vestirle come volevo dopo. Scrivere belle canzoni e non preoccuparmi del contesto. Mi sono seduto e ho scritto ballate ed è stato emozionante, ma per lo più mi sono divertito. Penso che Nice To Meet Ya sia un buon inizio, i fan lo capiscono che ci siamo divertii”.

SULLO SCRIVERE NICE TO MEET YA

Alla domanda perchè è stato speciale scrivere Nice To Meet Ya, Niall ha risposto:

“Era un tipico giorno dedicato alla scrittura e non stava succedendo nulla. Eravamo lì seduti, non usciva nulla, nulla sembrava giusto…poi ho preso la chitarra elettrica e ho suonato il ritornello, e le orecchie di tutti si sono drizzate. Abbiamo iniziato a scriverci sopra, ma io di solito scrivo le canzoni dall’inizio e mi attengo alla narrativa, storia dopo storia. Con questa, ho preso il microfono e ho iniziato a cantare melodie random e poi ho lasciato che decidessero loro. E quando abbiamo fatto un pò di scrematura su quale melodia ci stesse meglio. 

Ecco perchè non suona come una classica canzone, è un pò disconnessa, ma in un bel modo. E’ stato veramente speciale scriverla. Tutti si sono emozionati. E se ascolto i memo vocali di quando la stavamo registrando, è il caos. Stavamo tutti urlando versi e melodie e cose su cui la canzone doveva incentrarsi. E’ stato veramente divertente scriverla in un giorno in cui le cose non erano iniziate bene”.

SULLA SUA ISPIRAZIONE PER NICE TO MEET YA E PER LA NUOVA MUSICA

“Le parole vengono da una storia vera a metà. Ero fuori una sera e ho messo gli occhi su una ragazza. Abbiamo chiacchierato, lei era con i suoi amici io con i miei. Mi sembrava come se ogni volta che mi giravo, come dicono le parole, lei era sparita. Ma poi nel corso della stessa serata, in diversi bar nella stessa zona, ci saremmo ri-incontrati. E’ una canzone che è praticamente come un film basato su una storia vera. E poi inizi a cambiare alcune cose che rendono la canzone un pò più interessante. Questa canzone sembra giusta. Il modo in cui la guardo, e sono sicuro che la gente sarebbe d’accordo, non ho rilasciato musica per due anni. A parte “What a time” con Julia Michaels. Quindi mi sono detto, stai per tornare, fai un pò di rumore. Non c’è modo migliore di ritornare con una canzone che si intitola “Nice To Meet Ya”. La grafica è una scritta in bianco e nero con una foto di me con gli occhiali da sole. C’è anche un video coordinato. Ho pensato “perchè no, ho 26 anni, sono in un bel periodo della mia vita, devo solo farlo”.

NIALL SU COSA HA INFLUENZATO IL SUO NUOVO ALBUM

“Attraversare una rottura e un cuore spezzato mi hanno aiutato a scrivere ballate, anche alcune delle canzoni felici –  le canzoni tristi sono travestite da canzoni felici a volte. Poi, il tour. L’esperienza del tour, stare sul palco ogni sera, ricevere quel brivido dal pubblico e stare con i fan che hanno speso i loro ben meritati soldi per venire e guardare solo te, impari molto su te stesso e su cosa la gente vuole sentire. A volte mi sento ancora come un ragazzino tredicenne davanti allo specchio con la chitarra in mano. Sai, ho sentito Bruce Springsteen dire nel suo concerto a Broadway che si ricorda ancora quando ha avuto la sua prima chitarra a 12, 13 anni ed è uscito in giardino cantando e suonando fingendo di essere Elvis. Mi ci ritrovo molto, perchè io lo faccio ancora. E’ bello vedere che uno se lo gode ancora. E’ pazzesco pensare che faccio questo da quasi 10 anni e ne voglio ancora la follia. E’ un sentimento che non si può descrivere finchè non lo provi. E io sono tra quelli fortunati”.

SULLA SUA CRESCITA COME ARTISTA DOPO FLICKER

“Sono cresciuto come artista. Quando ho realizzato Flicker sentivo che avevo una fan base e sarebbe andato tutto bene, ma non pensavo avrebbe raggiunto i 4 miliardi di stream. Vedere l’album alla n.1 e la gente affezionarsi alla musica come non pensavi avrebbe fatto è un bel sentimento. Ottieni più fiducia in te stesso, sai che la gente vuole ascoltarti. Quindi vai in studio fiducioso e vuoi provare diversi tipi di musica e sperimentare. Nell’ultimo album mi sono incentrato su una cosa sola, perchè così mi sentivo a quel tempo, ho preso la chitarra acustica e ho scritto ballate, perchè al tempo mi rappresentavano ed era come volevo presentarmi sulla scena musicale. Si parla di quattro anni fa. Sono cresciuto come persona, sono più fiducioso e pronto a ripartire. Penso che la musica lo dimostri”.

NIALL SUL NUOVO ALBUM 

“Volevo che questo album fosse un pò più ritmato. Quando andrò in tour avrò un album che è lento, e quello nuovo che è un pò più movimentato. Ovviamente, non sarebbe un mio album senza qualche ballata. Ma per la maggior parte è movimentato, e ho raggiunto un buon equilibrio”.

SU COSA HA IN SERBO PER IL FUTURO

“Ci sono belle storie nelle canzoni, alcune mie idee nascoste. Vivere nel cervello di un cantautore può confondere, e penso sia per questo che la gente si affeziona alle canzoni, perchè non capisce come lo facciamo. E’ strano avere un’idea ed esprimerla in tre minuti e mezzo di canzone. Non è una cosa normale. Ma sono fortunato di poter incanalare le mie emozioni e avere un pò della mia folle immaginazione messa penna su foglio, e esplorarla in visuals. E avere una buona etichetta discografica che vuole tenermi nella mia follia.

Sono pronto per partire! L’album è divertente. Ci sono alcuni momenti molto tristi, ma sopratutto è un album divertente. Ci sono belle melodie, ritornelli con la chitarra, penso che ai miei fan piacerà. E’ il passo dopo Flicker, non suona troppo folle. Non c’è nulla di peggio di quando qualcuno sente di dover cambiare completamente tutto di se stesso per farlo funzionare. Io non credo di aver fatto così. Sono solo molto emozionato. Se state leggendo queste parole, TENETEVI PRONTI!”

Nice To Meet Ya, il video ufficiale