Testo “L’urlo di Munch”, il nuovo singolo di Emanuele Aloia. Disponibili anche audio e video ufficiale del brano.

“L’urlo di Munch” fa seguito al successo “Il bacio di Klimt“, che conta più di 45 milioni di ascolti su Spotify e per cui il giovane cantante di Torino ha guadagnato il Disco di Platino. Il 16 aprile esce l’album di debutto dell’artista, Sindrome di Stendhal.

SIGNIFICATO DEL BRANO

Su “L’urlo di Munch”, Emanuele Aloia ha dichiarato:

“Quanto rumore può fare un silenzio? Il silenzio di questi mesi è stato assordante. Ci ho visto arte anche lì e, per la prima volta, ho provato a dare un suono, un colore. C’è un’opera che fin da piccolo mi ha sempre affascinato, ogni volta sfogliavo le pagine del mio libro di arte e mentre la prof spiegava io la guardavo stregato chiedendomi che suono avesse quel grido: assordante, stridulo o addirittura armonioso. Mi sarebbe piaciuto riuscire a sentirlo. Chissà in quanti abbiamo provato ad immaginarlo. Oggi sono qui e riguardandolo in questi giorni riesco a sentire per la prima volta una voce, ed è la mia. Questa cosa come con i girasoli di Van Gogh o con il bacio di Klimt è ciò che più mi affascina di tutto questo progetto. Dare una melodia all’arte che si è sempre potuta basare principalmente sull’aspetto visivo. Il suono che ho dato all’urlo è l’ossimoro di ciò che probabilmente stiamo vivendo in questo momento storico. Ho provato a trasformare l’angoscia che sentiamo in speranza, in felicità. Una canzone che si stacca dai miei due successi che tutti voi conoscete perché bisogna avere il coraggio di cambiare.
Poi vorrei. Il resto è ciò che immaginerete voi ascoltando”

Offerta
Sindrome di Stendhal
Il nuovo album di Emanuele Aloia

L’urlo di Munch testo Emanuele Aloia

Testi canzoni Emanuele Aloia, leggi il testo di “L’urlo di Munch”:

Non è strano che
mentre tu mi parli
io ti guardo come se
infondo non parlassi
perché quelli tra me e te
infondo son concetti astratti
come un fiore di Monet
e un quadro di Kandinsky

Ti avrei presa solamente
per tenerti più stretta
come Zeno sei coscienza
l’ultima sigaretta
sai l’amore non ha orari
se poi parte non torna
ora balliamo come sconosciuti in mezzo a una folla

Poi vorrei rivedere un tramonto
guardarti negli occhi
scavarti più a fondo
perché non ti sento più
sei la fine del mondo
ma anche l’inizio
dentro ogni tuo silenzio
sento l’urlo di Munch

Dentro ogni tuo silenzio
sento l’urlo di Munch
dentro ogni tuo silenzio
sento l’urlo di Munch

Stavamo bene
non importava il luogo
ma stavamo insieme
senza parole tutta un’immaginazione
dietro il silenzio ascolto l’eco del tuo nome
che non riesco a pronunciare
ed ho perso la strada di casa
per ogni volta che
ti sentivi sbagliata
quante volte ho detto basta
ma non ci bastava
e adesso dentro di me annego
come fossi l’Ophelia

Poi vorrei rivedere un tramonto
guardarti negli occhi
scavarti più a fondo
perché non ti sento più
sei la fine del mondo
ma anche l’inizio
dentro ogni tuo silenzio
sento l’urlo di Munch

Dentro ogni tuo silenzio
sento l’urlo di Munch
dentro ogni tuo silenzio
sento l’urlo di Munch

Vorrei darti il sole
per ogni volta
che ti svegli male
con la luna storta
ti amo quando splendi
quando piovi di più
dentro i tuoi silenzi
sento l’urlo di Munch

Dentro ogni tuo silenzio
sento l’urlo di Munch
dentro ogni tuo silenzio
sento l’urlo di Munch

L’urlo di Munch video ufficiale

L’urlo di Munch audio Emanuele Aloia

Ascolta la musica di Emanuele Aloia su Spotify, ecco l’audio ufficial di “L’urlo di Munch”: