Vai a Team World Shop

Facebook, arriva il “non mi piace”: TUTTO sul nuovo bottone

Facebook non mi piace

Per anni gli utenti di Facebook hanno chiesto a gran voce di aggiungere il bottone “non mi piace” accanto al classico “like” e sembra che finalmente Mark Zuckerberg abbia pensato di accontentarci. Ma cosa potremo davvero esprimere con questa novità e come la chiameremo?

Leggi anche | Facebook in live streaming: le star in diretta

La notizia è stata annunciata dallo stesso Zuckerberg Martedì 15 Settembre nel corso di una sessione di Q&A avvenuta nei quartieri generali della società a Menlo Park:

“La gente chiede il bottone “non mi piace” da tanti anni…e questo è un giorno speciale, perchè oggi è il giorno in cui posso davvero dire che ci stiamo lavorando e siamo molto vicini ad implementarlo per un test.”

E’ comunque altamente improbabile che Facebook abbia intenzione di chiamare la nuova funzione “non mi piace”, in modo da evitare inutili attacchi irrispettosi tra gli utenti. Inoltre, le aziende presenti sul social network si troverebbero in grave difficoltà nel gestire un flusso di informazione negativa.

Leggi anche | Moments: condividi foto in privato su Facebook

Questo quanto dichiarato da Zuckerberg:

“Non vogliamo trasformare Facebook in un forum in cui la gente vota pro o contro i post degli altri. Non ci sembra il tipo di community che vogliamo creare, nessuno vuole condividere un momento importante e vederlo bocciato da qualcuno.”

Leggi anche | Facebook: perchè calano i “mi piace”?

In un precedente intervento, il fondatore di Facebook aveva spiegato:

“Abbiamo bisogno di capire come farlo correttamente, in modo che finisca per essere una forza positiva, non una negatività. Tutti pensano di poter cliccare tranquillamente su “like” ed è un modo importante per simpatizzare o entrare in empatia con qualcuno. Però ci sono momenti in cui si sente il bisogno di esprimere un sentimento in un semplice click, ma il “like” non è appropriato.”

Concludendo, Zuckerberg aggiunge:

“Non tutti i momenti sono belli. Ciò che gli utenti vogliono davvero è poter esprimere la propria empatia.”