Il DDL Zan è stato calendarizzato in Senato – Dopo 1091 giorni dal suo arrivo in Parlamento, si sblocca il disegno di legge contro l’omotransfobia al Senato: con 13 sì e 11 no, è passata la calendarizzazione del DDL dopo settimane di polemiche e resistenze.

Dopo settimane di polemiche, prese di posizione da parte di politici e personaggi noti affinché il DDL contro l’omotransfobia possa essere discusso e messo ai voti dal Senato, arriva finalmente l’attesa notizia: la commissione Giustizia del Senato ha commissionato il Ddl Zan.

Questo significa che il disegno di legge è stato calendarizzato a Palazzo Madama, anche se ancora non c’è una data precisa. Si attende quindi il calendario dei lavori.

Legge Zan: calendarizzata in Senato

Il DDL Zan è già stato votato dalla Camera dei Deputati il 4 novembre 2020: finalmente la discussione ora può essere affrontata anche in Senato.

A chiedere la calendarizzazione Pd, M5s, Leu e Italia viva. Contrario è invece il centrodestra.

Perché è importante il DDL Zan

L’Italia è uno dei pochi Paesi occidentali a non avere ancora una legge che includa l’orientamento sessuale e l’identità di genere tra le aggravanti presenti nelle leggi sui crimini d’odio.

Se vuoi approfondire l’argomento, ti consigliamo di leggere il nostro articolo: tutto sul DDL Zan, testo e cosa prevede.

2020-03-10