In questo periodo di guerra e crisi per l’Ucraina e per la sua popolazione (animali compresi), in cui arrivano quotidianamente notizie drammatiche sull’evoluzione della situazione, è importante evidenziare anche le belle notizie, le storie di successi, di vittorie, i gesti e le azioni di aiuto che portano ad un lieto fine. Storie di speranza. In questo articolo vogliamo fare proprio questo.

Dall’inizio del conflitto in Ucraina sono tantissime le associazioni, i volontari e le strutture che stanno lavorando senza sosta per salvare ed aiutare gli animali in difficoltà e i padroni che fuggono dal Paese portando i propri animali con se. Proprio da queste associazioni arrivano ogni giorno aggiornamenti su ciò che stanno riuscendo a fare, e condivisioni di storie di salvataggi riusciti e aiuti concreti. 

Se intanto ti stai chiedendo come poter prestare anche tu aiuto, trovi alcune soluzioni qui: come aiutare gli animali in Ucraina e sostenere le associazioni.

Iniziamo la settimana con una bella storia di speranza.

Scrive Save The Dogs, nostro partner, impegnato in prima linea al confine tra Polonia e Ucraina con volontari e presidi per fornire aiuti ai profughi che arrivano con animali, e grosse quantità di cibo da far entrare nel Paese.

Maya, una giovane ragazza ucraina, riesce a scappare da Odessa insieme al figlio e si trova costretta a lasciate il gatto a degli amici. Una volta arrivata in Romania, scopre dell’esistenza della nostra associazione e ci chiede aiuto per riavere il suo gatto. Attraverso l’autista che trasporta il mangime oltre il confine siamo riusciti a far arrivare il gatto che, dopo aver passato un giorno nella nostra clinica, si è ricongiunto alla sua famiglia a Bucarest. Ora potranno proseguire il viaggio verso la Repubblica Ceca, insieme.

Sempre Save The Dogs testimonia:

Primi animali assistiti: un gatto e un cane. A quest’ultimo, diretto in Slovacchia con il suo padrone, abbiamo regalato il trasportino indispensabile per il viaggio e preso un appuntamento per lui in una clinica veterinaria di Bucarest. Qui il cane riceverà un certificato per poter viaggiare in sicurezza.

Ancora Save The Dogs:

Sono tanti gli animali transitati con le loro famiglie da quando, lo scorso venerdì, siamo presenti al confine sud con l’Ucraina. Oggi le nostre operatrici si sono trovate in una bufera di neve ma non abbiamo mollato.Tante le storie di dolore ma anche di speranza che abbiamo sentito. Stiamo facendo la differenza per molto animali e per le famiglie che non li hanno lasciati indietro

Savasafehaven, un rifugio situato proprio in Ucraina, scrive:

“Oggi due fortunati cani sono partiti per la loro nuova casa in Germania! Siamo così grati al nostro team al Sava’s Safe Haven German Friends e.V”

“Oltre ad aiutare i rifugiati ogni giorno alla dogana o nei rifugi preparati per loro con aiuti e supporto, ci occupiamo anche dei nostri animali nei nostri rifugi. Oggi 12 fortunati animali sono partiti per le loro nuove case! 12 cani e un gatto. Siamo così felici per quegli adorabili e fortunati animali, specialmente per quello malato, Teddy, che sta finalmente andando a casa. Grazie al nostro fantastico team e ai gentilissimi adottatori”

Alex Hapka su TikTok informa la Community che Andrea Cisternino, che sta cercando di potare in salvo più animali possibili, è ancora vivo e sta riuscendo nella sua missione:

“Ad oggi Andrea Cisternino e i suoi 400 animali sono ancora vivi a Kiev. Sono più di due settimane. I rifugi hanno disperato bisogno di scorte di cibo e gli scontri si avvicinano, ma lui sta ancora accogliendo animali spaventati nella zona di guerra

@_scariestbugever_

donation link in my bio! pray for them 🤍🇺🇦🤍🇺🇦 #TurboTaxAlphorn #SchickAsks #russia #CloroxMistChallenge #ukraine #🇺🇦 #❤️ #❤️❤️❤️ #❤️❤️❤️❤️❤️

♬ Another love – .