Vai a Team World Shop

Vicino all’Orizzonte di Jessica Koch: dal romanzo al film

Tutto sulla trasposizione cinematografica del romanzo bestseller di Jessica Koch, Vicino all'Orizzonte, diventato un film con la regia di Tim Trachte.

Jessica Koch, quando ha bruciato la prima stesura del libro “Vicino all’Orizzonte”, sicuramente non si immaginava che sarebbe diventato un film.

Ebbene sì, la scrittrice che ha raccontato la sua vera storia d’amore con Danny nelle pagine del libro “Vicino all’Orizzonte”, ha avuto un momento di sconforto, che l’ha portata a dar letteralmente fuoco alla prima stesura del romanzo, diventato poi – non solo un bestseller su Amazon – ma anche un film con la regia di Tim Trachte.

Nel libro Jessica Koch racconta come quello che doveva essere semplicemente il giorno del suo 18esimo compleanno, sia stato in realtà un giorno chiave per la sua Vita. A stravolgerla ci ha pensato Danny: un ragazzo dal passato e dal presente difficile.

Se vuoi scoprire la loro storia, oltre a trovarla sugli scaffali di tutte le librerie e su Amazon, ti consigliamo di andare al cinema dal 24 ottobre.

Vicino all’Orizzonte: tutto sul film

 

Vicino all’Orizzonte: dal romanzo al film

Hund e Löbbert, produttori del film, non volevano trasformare il materiale di partenza in un qualcosa del genere strappalacrime, così diffuso nella televisione tedesca:

“Il nostro obiettivo era portare sullo schermo delle emozioni forti senza cadere nel kitsch, così abbiamo iniziato a pensare allo sceneggiatore e al regista”, racconta Löbbert. “Con Ariane Schröder alla sceneggiatura e Tim Trachte alla regia abbiamo trovato i partner perfetti per questo progetto. A tutti era chiaro che nel film avremmo dovuto tagliare buona parte di questo romanzo di 500 pagine. Dovevamo andare al cuore della storia e quindi era importante sintetizzare la storia fin dall’inizio”, spiega Löbbert. 

La principale sfida legata alla sua trasposizione cinematografica è stata quella di cercare un equilibrio tra i temi delicati che il film doveva affrontare e il rispetto per la storia di Jessica Koch: da un lato c’era il dramma, dall’altro il profondo, intenso e incondizionato amore tra i due personaggi.

Jessica e Danny, i protagonisti della storia, reggono quasi da soli tutto il film: l’importanza che è stata data ai loro personaggi, alle loro emozioni, ai loro dialoghi e ai loro sguardi, rende perfettamente giustizia alla storia vera di Jessica Koch. Non ci sono eccessivi orpelli, nessuna necessità di romanzare le dinamiche della storia: lo spettatore vive e vede qualcosa di estremamente reale.

Per la sceneggiatrice, così come per i produttori, era importante richiamare gli aspetti positivi della storia a dispetto della sua drammaticità, dando un messaggio di incoraggiamento e concentrandosi sulla forza della vita e sul potere dell’amore: “Attraverso questo amore incondizionato il libro offre qualcosa di profondamente costruttivo. E credo che l’amore tra questi due personaggi sia diventato così forte perché sono riusciti ad affrontare il loro destino accettandone le conseguenze”, dichiara la produttrice del film.

Nel film Jessica è una giovane ragazza, ancora molto ingenua e inesperta, che si trova proprio nel momento in cui potrebbe iniziare la sua vita: ha appena compiuto 18 anni, ha preso la patente e ha cominciato a lavorare nel servizio di catering dei suoi genitori. Mentre intorno a lei stanno avvenendo molti cambiamenti – come il trasferimento a Berlino della sua migliore amica – Jessica decide di rimanere a casa. Nel film incontra presto Danny, e lui stravolgerà tutto il suo mondo.

Danny ha un passato difficile. La sua strategia di sopravvivenza si regge sull’autodisciplina e su un rigido controllo. Il suo bisogno di tenere tutto sotto controllo si manifesta in tutto, nel suo lavoro di modello così come nello sport che pratica, la kickboxing. Quando i due si incontrano, devono affrontare le loro più grandi paure e debolezze: lui dovrà aprirsi e lasciar cadere la sua corazza, mentre lei, rimanendo al suo fianco, troverà la sua forza interiore.

Attorno alla storia di Jessica e Danny ruota un altro personaggio centrale: Tina, la migliore amica di Danny, che ha vissuto un destino simile al suo. All’inizio è molto diffidente verso Jessica e in qualche modo si pone come antagonista nei suoi confronti.

Jessica riesce ad arrivare a Danny attraverso la sua ingenuità, la delicatezza e la sua ironia. E Danny lascia che questo accada. “Questa è la forza della storia. Ed è grazie a tutto questo che il loro amore diventa così forte”. Per Jessica si apre un mondo e crescerà tanto nel corso della storia.