Per quanto il contapassi si sia diffuso tantissimo negli ultimi anni, in verità è uno strumento che esiste da secoli. Il contapassi, anche detto pedometro, infatti, per decenni è consistito in un semplice pendolo che al camminare della persona oscillava, e contava quindi i passi fatti. Con la digitalizzazione e la nascita delle App, il sistema è molto cambiato e adesso i contapassi funzionano con il GPS (Global Positioning System) che rilevando la nostra posizione calcola i passi fatti, o con l’accelerometro, un sistema che riesce a rivelare il movimento fatto su vari assi.

Entrambi i sistemi sono molto validi, anche se i contapassi basati sull’accelerometro sono un po’ più precisi. Qualsiasi sia il sistema che il contapassi usa, tuttavia, oggigiorno possiamo scegliere tra una varia gamma di opzioni e, in particolare, possiamo decidere tra:

  • Gli Smartwatch;
  • Gli Smartband;
  • Le App sul cellulare.

Bene, adesso che in linea generale hai scoperto come funziona un contapassi, avrai sicuramente pensato, vista la sua utilità, che possederne uno gioverebbe alla tua salute! Se sei quindi alla ricerca di uno di questi utilissimi dispositivi elettronici, nella nostra guida vogliamo aiutarti a capire:

  • Quale contapassi scegliere (e nel caso la tua scelta ricada per le App, ti spiegheremo come scaricare il contapassi sul cellulare);
  • Come impostare il contapassi per monitorare degli obiettivi di fitness e tenerti in forma.

Il contapassi sugli Smartwatch e gli Smartband

La differenza tra uno Smartwatch e una Smartband è principalmente nelle funzioni e, di conseguenza, nel costo.

Uno smartwatch, come dice il nome stesso, è un orologio intelligente, che comunica con il telefono e spesso offre funzionalità molto simili al telefono stesso:

  • Puoi visualizzare messaggi sull’orologio;
  • Rispondere al telefono direttamente dallo smartwatch etc.

Gli Smartband, “braccialetti intelligenti”, hanno meno funzioni e sono spesso usati proprio per le caratteristiche di contapassi che hanno.

Gli smartwatch sono più costosi, e anche se la stragrande maggioranza ha anche la funzione di contapassi inclusa, è bene sempre sincerarti che questa opzione sia presente prima di acquistarlo. In base alle tue esigenze (e alle tue possibilità di spesa) potrai optare per uno Smartwatch o uno Smartband per avere un buon contapassi.

Prima di acquistare un modello di Smartwatch o Smartband è bene considerare alcuni fattori quali:

  • La durata della batteria;
  • Il sistema operativo che supporta (per esempio puoi sfruttare le funzioni Apple Watch solo con iPhone);
  • Se è resistente all’acqua;
  • Se funziona in autonomia o ha sempre necessità di essere abbinato ad un cellulare;
  • Il tipo di cinturino che non ci crei fastidio al polso.

Ma soprattutto bisogna sincerarsi che abbia le caratteristiche di un contapassi degno di questo nome, in particolare:

  • Calcolare le distanze percorse: un buon contapassi che si rispetti deve essere capace di calcolare, grazie al sistema di localizzazione GPS e l’accelerometro, la distanza percorsa e i passi compiuti in questa distanza;
  • Calcolare le calorie consumate: grazie ad una precisa formula matematica, un buon contapassi deve essere in grado di calcolare le calorie consumate;
  • Monitorare il battito cardiaco: un buon contapassi deve avere la funzione di cardiofrequenzimetro per monitorare il ritmo cardiaco durante l’attività fisica e non;
  • Il controllo del ciclo veglia-sonno (Opzionale).

Le funzioni di un contapassi elencate in precedenza, non sono comunque del tutto precise e non andranno a sostituire, in qualunque caso, i risultati ottenuti da un controllo medico specializzato. Tuttavia, sono utilissimi per chi pratica sport e per chi vuole tenere quotidianamente sotto controllo il proprio corpo.

Infine, è sempre bene verificare anche l’App corrispondente del contapassi. Usando l’App, infatti, potremo avere un quadro più chiaro delle nostre statistiche, dei progressi fatti e da fare, e sugli obiettivi che possiamo raggiungere nel breve e nel lungo periodo.

App contapassi: come funziona il contapassi del telefono

Se non volete comprare uno Smartwatch o uno Smartband, potete utilizzare soluzioni alternative come scaricare l’App contapassi sul cellulare. Il web e gli App Store sono pieni di queste applicazioni contapassi sia gratuite che a pagamento che puoi scaricare facilmente.

Una delle più diffuse è sicuramente Google Fit: sviluppata in collaborazione con l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e l’American Heart Association (AHA) questa App non solo conta i tuoi passi e le attività fisiche (anche in bici) che fai durante il giorno, ma riesce a monitorare i tuoi obiettivi, ti fornisce le statistiche in tempo reale e ti dà anche consigli personalizzati di allenamento, in base alle tue attività. Inoltre, se disponi di uno Smartwatch o uno Smartband, Google Fit riesce a comunicare con essi ed integrare i loro dati.

Se hai un iPhone puoi invece installare la App Salute, che oltre a fare da contapassi, fornisce statistiche sui tuoi obiettivi e monitora le tue attività fisiche. Se ben settato offre anche il controllo sul benessere psicofisico, l’alimentazione e il sonno, attraverso le opzioni Sonno, Mindfulness e Alimentazione. Ovviamente, l’App Salute interagisce anche con l’Apple Watch e ne estrae i dati.

Infine, una menzione merita l’App “Pedometro”, non solo perché funziona sia con Android che con sistema Apple, ma soprattutto perché totalmente gratuita e ottima per il basso consumo di batteria che utilizza. Come tutti i contapassi che abbiamo analizzato, riesce a calcolare non solo i passi fatti e la distanza percorsa, ma anche le calorie bruciate. Inoltre, elabora statistiche e grafiche che ci aiutano a capire obiettivi fissati e da fissare.

Come impostare il contapassi correttamente

Qualsiasi sia l’App, lo Smartwatch o lo Smartband che utilizzeremo è essenziale, per avere risultati esatti, settare correttamente il contapassi.

Ognuno di noi ha una lunghezza del passo diverso. Chiaramente i contapassi, se non settati, considerano una lunghezza del passo medio. Per essere precisi, quindi, i contapassi necessitano si sapere quanto è lungo il nostro passo. Per farlo, basta simulare un nostro passo e misurare la distanza tra un tallone e l’altro, o tra la punta di un piede e la punta dell’altro.

Infine, bisogna andare nelle impostazioni del nostro contapassi e aggiungere la misura che abbiamo rilevato. Per sfruttare al massimo le potenzialità del contapassi, è bene aggiungere tutti i dati relativi al nostro corpo, in particolare sono essenziali altezza e peso. In questo modo il contapassi potrà calcolare precisamente le calorie consumate per la nostra attività fisica, e aiutarci nel fissare obiettivi da raggiungere nel breve e nel lungo periodo per tenerci in forma.

Bene! Ora che sai come impostare il contapassi e come funziona il contapassi del telefono, la scelta su quale contapassi usare spetta soltanto a te, in base alle tue personali esigenze. Ci teniamo comunque a dirti che è meglio non affidarsi solamente ai dati riportati da dispositivi elettronici, ma effettuare regolarmente controlli medici che ti daranno risultati sicuramente più precisi e più accurati!