Come vengono assegnati i premi Disco d’Oro, di Platino e di Diamante? Quali requisiti deve avere un artista per ottenere un Disco d’Oro, di Platino o Diamante? In questo articolo ti spieghiamo i metodi di assegnazione e le soglie di vendite necessarie per ottenere queste prestigiose certificazioni.

Le certificazioni Disco d’Oro, Disco di Platino e Disco di Diamante sono i premi che un artista può ritirare in base al numero di copie vendute di album e singoli, sia in versione fisica che digitale che streaming (da gennaio 2018 sono validi solo gli ascolti che derivano dai servizi in abbonamento premium).

Classifiche Top Of The Music: valido solo streaming a pagamento

Paese che vai, usanza che trovi! I criteri utilizzati per analizzare le vendite variano da paese a paese: in alcuni viene adottato il sistema che conta i numeri di album venduti ai negozi e quindi non necessariamente all’utente finale mentre in altri vengono contati gli album venduti dai negozi ed acquistati da un utente finale.

In Italia

Nel nostro paese l’assegnazione dei premi è affidata alla Federazione Industria Musicale Italiana (FIMI) che, con GfK rileva  le vendite dei prodotti fisici e delle singole tracce online, ufficializza le certificazioni di vendita di ogni singola registrazione musicale pubblicata, venduta e ascoltata in streaming.

Dal 1° gennaio 2022, dopo una rivalutazione del mercato musicale italiano, sono entrate in vigore le seguenti soglie di certificazione attualmente in uso:

Categoria certificazione album e compilation

Alla luce delle nuove condizioni di mercato FIMI e GfK riconoscono, a partire dal 1° Gennaio 2014, le seguenti soglie di certificazione (prodotto fisico e online):

  • ORO oltre le 25.000
  • PLATINO oltre le 50.000
  • DOPPIO PLATINO oltre le 100.000
  • TRIPLO PLATINO oltre le 150.000
  • QUADRUPLO PLATINO oltre le 200.000
  • 5 PLATINO oltre le 250.000
  • DIAMANTE oltre le 500.000

Singoli

Per il mercato online (download + streaming dal 11/09/2014), FIMI ha aggiornato le soglie per l’attribuzione delle certificazioni dei singoli come segue (in vigore dalla settimana 01/2022):

  • ORO oltre le 50.00
  • PLATINO oltre le 100.000
  • DOPPIO PLATINO oltre le 200.000
  • TRIPLO PLATINO oltre le 300.000
  • QUADRUPLO PLATINO oltre le 400.000
  • 5 PLATINO oltre le 500.000
  • 6 PLATINO oltre le 600.000
  • 7 PLATINO oltre le 700.000
  • 8 PLATINO oltre le 800.000
  • 9 PLATINO oltre le 900.000
  • DIAMANTE oltre le 1.000.000

Come avviene il conteggio delle vendite?

FIMI rilascia settimanalmente le classifiche ufficiali Top Of The Music – disponibili su www.fimi.it relative alla vendita di:

  • Album & Compilation [acquisto supporto fisico + acquisto digital store + ascolto streaming con servizio in abbonamento]
  • Vinili [acquisto supporto fisico]
  • Singoli [acquisto digital store + ascolto streaming con servizio in abbonamento dove 130 stream equivalgono ad 1 download. Tutti gli stream sono conteggiati a patto che abbiano una durata superiore ai 30 secondi]

In particolare, FIMI rilascia le seguenti classifiche:

  • Top 100 Album & Compilation: i 100 album e compilation con il maggior numero di vendite e di ascolti rilevati all’interno dei canali rappresentati
  • Top 20 Vinili: i 20 vinili con il maggior numero di vendite rilevate all’interno dei canali rappresentati
  • Top 100 Singoli: le 100 canzoni con il maggior numero di download e con il maggior numero di ascolti in streaming premium rilevati all’interno dei canali rappresentati

Ad elaborare i dati è GfK Italia nell’arco della settimana: dal venerdì al giovedì successivo. I canali di vendita monitorati sono:

  • Hypermarket e Supermarket
  • Technical SuperStore (grande distribuzione specializzata in elettronica di consumo)
  • Entertainment Specialist (catene specializzate nell’intrattenimento multi settoriale: Musica, Libri, Video e Giochi)
  • Music Independent specialist
  • Internet Sales (vendite di musica fisica effettuata attraverso siti internet)
  • Piattaforme Streaming Audio

Le classifiche vengono rilasciate entro il quinto giorno lavorativo successivo alla settimana di riferimento.