aspettare-messaggio-waiting

A tutte le ragazze e i ragazzi lì fuori.
A voi che al posto di “online” vorreste leggere “sta scrivendo”.
A voi che dietro quella notifica non vorreste ritrovare un invito a giocare a Candy Crush.
Al club del #MaiUnaGioia perché “manco un messaggio mi manda”.

A VOI, è dedicato questo articolo.

Quante volte la tua autostima è stata “minata” da una non-decisione di un’altra persona? Quante volte il non aver ricevuto il tanto atteso messaggio ti ha portato (ovviamente…) alla conclusione che “no, non valgo abbastanza”?

Rispondiamo noi: troppe volte.

Sei un tutt’uno con il divano, alla disperata ricerca di una nuova serie TV da guardare su Netflix: in una mano il telecomando, nell’altro il cellulare che posi solo per affondare il tuo stanco arto in un pacchetto di patatine, che nemmeno ti piacciono. Fai di tutto per essere “fintamente” occupata/o. Ti è balenata addirittura l’idea di risentire l’ex, quello con il quale ti sei messo/a alle elementari dopo che aveva barrato la casella “SI” di quel foglietto fatto scivolare timidamente tra le sue mani durante la ricreazione.

Per queste occasioni hai anche una playlist dedicata su Spotify.

Insomma il non-messaggio è un argomento delicato. Ecco QUANDO NON VALE LA PENA struggersi nell’attesa (che potrebbe essere tale per troppo tempo):

CONTINUA A LEGGERE…

2020-03-10