Ecco il testo del nuovo Dpcm in vigore dal 16 gennaio 2021 fino al 5 marzo 2021, fatta eccezione per il divieto di spostarsi tra Regioni valido fino al 15 febbraio. Resta confermato il coprifuoco dalle 22 alle 5 di mattina.

Giuseppe Conte ha firmato il nuovo Dpcm contenente i divieti e le restrizioni per contrastare la diffusione del Covid in Italia. La nuova stretta entra in vigore da sabato 16 gennaio fino al 5 marzo 2021.

Ecco le date fondamentali di questi primi mesi del 2021, ancora segnati dalla pandemia:

  • 16 gennaio – entra in vigore il nuovo Dpcm;
  • 17 gennaio – le Regioni cambiano fascia (vedi paragrafo sotto dedicato);
  • 15 febbraio – scade il divieto di spostamenti tra Regioni, anche gialle;
  • 16 febbraio – si potrebbe tornare a sciare (riaprono gli impianti da sci);
  • 5 marzo – scadono le norme e i divieti del Dpcm;
  • 6 marzo – potrebbero riaprire cinema, palestre, piscine.
  • 30 aprile – finisce lo Stato di Emergenza

Dpcm 16 gennaio 2021: che cosa cambia

L’Italia resta divisa per colori
Anche nel 2021 si mantiene il sistema di divisione dell’Italia per fasce di colore: rosso, arancione e giallo.

Ecco la suddivisione che entrerà in vigore dal 18 gennaio:

  • ZONA ROSSA: provincia autonoma di Bolzano, Lombardia e Sicilia.
  • ZONA ARANCIONE: Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Piemonte, Puglia, Umbria, Valle D’Aosta, Calabria, Emilia-Romagna e Veneto.
  • ZONA GIALLA: Campania, Sardegna, Basilicata, Toscana, Provincia Autonoma di Trento, Molise.

Introdotta anche la ZONA BIANCA ma i parametri per entrarci – 3 settimane consecutive di incidenza di 50 casi ogni 100mila abitanti e un rischio basso – fanno sì che al momento nessuna Regione sia idonea.

Scuola
Gli studenti delle scuole superiori delle Regioni GIALLE e ARANCIONI tornano a scuola lunedì 18 gennaio 2021 almeno al 50% della presenza.
Gli studenti delle Regioni ROSSE rimangono a casa dalla seconda media con DAD. Salvo ordinanze regionali.

Invariata la situazione per gli altri gradi di istruzione.

Stato di Emergenza e Spostamento tra Regioni
È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il testo del decreto legge n°2 del 14 gennaio in cui viene prorogato lo stato d’emergenza fino al 30 aprile 2021 e vieta lo spostamento tra regioni e province – salvo comprovati motivi – fino al 15 febbraio 2021.

Spostamenti piccoli comuni
Chi è residente in piccoli Comuni con popolazione non superiore a 5.000 abitanti, può spostarsi
per una distanza non superiore a 30 chilometri dai relativi confini, con esclusione in ogni caso degli spostamenti verso i capoluoghi di provincia.

Seconde case
Fino al 15 febbraio è vietato andare nelle seconde case se si trovano fuori regione. Se si è residenti in una regione arancione, è vietato spostarsi in una eventuale seconda casa collocata fuori dal Comune. Gli spostamenti verso le seconde case sono consentiti SOLO in caso di urgenza e necessità e per il tempo necessario, per esempio, a risolvere un guasto o a recuperare un oggetto/materiale indispensabile.

Visite ad amici e parenti
Se si è residenti in una zona gialla, si può andare a trovare amici/parenti che vivono nello stesso comune, una volta al giorno per un massimo di n°2 persone dalle 5 alle ore 22. Non sono incluse nel conteggio i minori di 14 anni, persone disabili o non autosufficienti.

2020-03-10

Divieto di asporto
Ecco nel dettaglio la questione bar e ristoranti

  • Regioni rosse: bar e ristoranti chiusi;
  • Regioni arancioni: bar e ristoranti chiusi;
  • Regioni gialle: bar e ristoranti aperti fino alle ore 18:00 con massimo n°4 persone al tavolo; Dopo le 18:00 i BAR potranno effettuare SOLO CONSEGNA A DOMICILIO. I ristoranti potranno invece effettuare CONSEGNA A DOMICILIO e ASPORTO.

Resta consentita la ristorazione negli alberghi.

Chiusure e riaperture confermate
Il calendario delle chiusure e delle riaperture:

  • Impianti da sci: chiusi fino al 14 febbraio 2021 (riaprono il 15 febbraio);
  • Palestre e Piscine: chiuse fino al 5 marzo 2021 (riaprono il 6 marzo);
  • Musei e Mostre: aperti dal lunedì al venerdì con esclusione dei giorni festivi e con ingressi contingentati nelle sole Regioni gialle;
  • Cinema e teatri: chiusi fino al 5 marzo 2021.