Chiusi i cinema e sospesi i Festival cinematografici dal 26 ottobre 2020, come previsto dal DPCM del 25 ottobre emanato dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. L’AFIC esprime la sua preoccupazione, e chiede il sostegno e la vicinanza del Governo.

Il 25 ottobre 2020 il Premier Giuseppe Conte ha annunciato il nuovo DPCM, che prevede nuove misure restrittive che resteranno in vigore fino al 24 novembre per far fronte alla diffusione del virus COVID-19 in Italia, che nell’ultimo periodo ha raggiunto picchi altissimi.

Stretta su ristoranti, bar, pub e locali, chiusura di piscine, palestre e centri benessere, chiusura di cinema, teatri e sale da concerto. Stop anche ai Festival cinematografici. 

Le preoccupazioni dell’AFIC sulla chiusura dei cinema

L’AFIC, Associazione Festival Italiani di Cinema ha espresso le sue preoccupazioni sulla decisione di chiudere nuovamente i cinema, dopo il già difficile periodo di stop dall’8 marzo al 15 giugno 2020, e dopo i tentativi di ripresa che tutte le sale hanno dovuto affrontare da giugno ad oggi.

“Il nostro settore viene colpito in maniera indistinta da queste misure e si trova, ancora una volta, a riprogettare all’improvviso il proprio lavoro dicendo addio a mesi di duro lavoro per riportare il pubblico nelle sale” 

riporta il comunicato stampa diffuso il 25 ottobre 2020, che esprime alla perfezione l’estrema difficoltà in cui si trova tutto il settore cinematografico.

“Purtroppo l’esercizio cinematografico … è uno dei più colpiti da questo tipo di misure di chiusura perché è uno dei tasselli più importanti ma anche più deboli dell’intera filiera dell’industria cinematografica dal momento che non può disporre autonomamente dei film da proiettare. La chiusura e la riapertura a singhiozzo delle sale cinematografiche rischia dunque di interrompere il lavoro di mesi di riorganizzazione delle case di distribuzione che con serietà e coraggio hanno deciso di far uscire i loro film nelle sale.”

 dichiara l’AFIC.

Il comunicato completo diffuso dall’AFIC

Ecco il comunicato completo diffuso dall’AFIC:

“AFIC – Associazione Festival Italiani di Cinema pur condividendo i principi volti a preservare la salute pubblica che hanno informato l’odierno Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, esprime una forte preoccupazione per la decisione di chiudere, per almeno un mese, le sale cinematografiche e, di conseguenza, di sospendere i festival cinematografici.”

Il nostro settore viene colpito in maniera indistinta da queste misure e si trova, ancora una volta, a riprogettare all’improvviso il proprio lavoro dicendo addio a mesi di duro lavoro per riportare il pubblico nelle sale. L’esperienza di alcuni importanti festival, primo fra tutti la Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, ha mostrato come sia stato possibile organizzare ai massimi livelli di sicurezza eventi con migliaia di persone. Di queste esperienze ci piacerebbe che anche in futuro si tenesse conto prima di decidere chiusure generalizzate delle sale cinematografiche che da studi di settore risultano a bassissimo rischio di diffusione del contagio.

Purtroppo l’esercizio cinematografico, a cui esprimiamo la nostra vicinanza e solidarietà, è uno dei più colpiti da questo tipo di misure di chiusura perché è uno dei tasselli più importanti ma anche più deboli dell’intera filiera dell’industria cinematografica dal momento che non può disporre autonomamente dei film da proiettare. La chiusura e la riapertura a singhiozzo delle sale cinematografiche rischia dunque di interrompere il lavoro di mesi di riorganizzazione delle case di distribuzione che con serietà e coraggio hanno deciso di far uscire i loro film nelle sale.

2020-03-10

In quest’ottica chiediamo dunque che il Governo e il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo siano ancora più vicini a tutte queste realtà garantendo i mezzi economici di sostegno in questo momento emergenziale ma chiediamo anche un confronto per il futuro per immaginare insieme una ripartenza di tutto il settore con regole certe e verificate che diano nuovamente lavoro e stabilità a tutti. “

Queste le parole riportate sul comunicato stampa.

Cos’è l’AFIC – Associazione Festival Italiani di Cinema

AFIC – Associazione Festival Italiani di Cinema nasce nel 2003 per promuovere e far crescere le iniziative che hanno come scopo quello di migliorare la qualità artistica e l’efficacia comunicativa dei festival cinematografici italiani. Obiettivo di AFIC è quello di valorizzare e qualificare l’attività culturale e di studio dei soci dell’Associazione, ad oggi 75 festival di cinema italiani.