Vai a Team World Shop

Mi serve, Cara testo e significato nuovo singolo

Leggi il testo del nuovo singolo di Cara, Mi serve. Disponibile anche il video ufficiale e il significato della canzone.

Testo “Mi serve” di Cara, il singolo di debutto della giovane cantante italiana. Disponibili anche audio e video ufficiale del brano.

“Mi serve” è il primo singolo scritto e composto da Cara con la produzione di Davide Simonetta.

SIGNIFICATO CANZONE

Siamo nativi tecnologici. Siamo nati tra smartphone, tablet e schermi al plasma, ma abbiamo scoperto le istruzioni d’uso senza che nessuno ce le insegnasse. Abbiamo fatto i puzzle sui cellulari dei nostri papà e abbiamo pronunciato le prime parole davanti a uno smartphone per farci sentire dalle nostre nonne.
Un parco giochi dentro la testa, ci (mi) serve. – Cara

Chi è Cara

Anna Cacopardo, in arte Cara, 20 anni, di Milano, vive a Crema. Si è avvicinata alla musica sin da bambina frequentando la scuola musicale Consorzio Concorde di Crema, nella sezione canto. Appassionata del cantautorato italiano e del pop internazionale inizia il suo percorso musicale con esibizioni live in sessione acustica, proponendo anche brani inediti da lei scritti. Nel 2017 ha partecipato al Tour Music Fest di Mogol, arrivando in semifinale a Roma e, con un suo brano inedito, al concorso di Area Sanremo tour 2017, arrivando in finale. Dopo essersi iscritta all’Accademia di Musica NAM di Milano, al corso di Canto Moderno, ha iniziato da qualche anno un percorso musicale proprio, componendo sia testi che musica.

MI SERVE TESTO CARA

Testi canzoni Cara, leggi il testo di “Mi serve”:

Abbassa quel volume ho mal di festa
che ho già troppo casino nella testa
un’offerta per un volo che mi porti a casa
Mi serve
Il cielo pieno d’acqua è il mio mare blu
Sarà che guardo il mondo solo a testa in giù
E mi hanno detto che domani piove
Almeno esco
Mi serve
e non mi importa niente se non dico niente
se sbaglio la fermata o freno con il verde
Mi alzo la mattina e chiudo le finestre
Lo sai cosa mi serve

Un cielo azzurro Celentano mi serve
Un po’ di africa in giardino mi serve
Un parco giochi dentro la testa
Mi serve mi serve
Un capodanno a ferragosto mi serve
Un’altalena nel salotto mi serve
Una tempesta che mi somiglia dalle mie ciglia
Mi serve mi serve

Mangio sushi con una forchetta
Per la magia non serve una bacchetta
Comincio un’altra serie parto dal finale
mi serve
e so come mi chiamo e so la mia città
ma è solo sulla carta la mia identità
Ti chiamerò per dirti di non richiamare
Ma non lo spengo
Mi serve
E che non fare niente non è fare niente
Ho i graffi di una ballerina sulle punte
Ma gli occhi mi si accendono senza corrente
Lo sai cosa mi serve

Un cielo azzurro Celentano mi serve
Un po’ di africa in giardino mi serve
Un parco giochi dentro la testa
Mi serve mi serve
Un capodanno a ferragosto mi serve
Un’altalena nel salotto mi serve
Una tempesta che mi somiglia dalle mie ciglia
Mi serve mi serve

Mi serve un cane per uscire
E un pacco da aprire
Un pesce d’aprile
e una raccolta di rime
Un dottore a cui cantare una canzone d’amore
Che più felici di così
Si muore

Un cielo azzurro Celentano mi serve
Un’autostrada sul divano mi serve
Un ubriaco dentro l’orchestra
Mi serve mi serve
Un capodanno a ferragosto mi serve
Un’altalena nel salotto mi serve
Una tempesta che mi somiglia dalle mie ciglia
Mi serve mi serve

MI SERVE VIDEO UFFICIALE

MI SERVE AUDIO CARA

Ascolta la Musica di Cara su Spotify, ecco l’audio ufficiale di “Mi serve”: