Entreranno in vigore dal 16 Gennaio 2013 le nuove condizioni d’uso della piattaforma di Instagram, insieme alla nuova policy sulla privacy.

Un aggiornamento che ha generato malcontento tra gli utenti di Instagram, che nel giro di poche ora ha subito un repentino calo di iscritti. Le ragioni di queste cancellazioni sono dovute alla voce che autorizza a vendere «a un società a o un’altra entità pagante le informazioni relative all’utente e alle azioni che compie e le sue fotografie senza riconoscere al proprietario nessun compenso economico».

Nemmeno National Geographic, prestigiosa rivista, accetta il compromesso e annuncia la sospensione dei post su Instagram e l’eventuale cancellazione se le cose non dovessero cambiare.

Nel giro di 24 ore, il co-fondatore di Instagram,, fa marcia indietro ed interviene sul blog ufficiale della società: “non abbiamo intenzione di vendere le vostre foto, aggiorneremo i termini per assicurarci che il concetto sia chiaro”.

2020-03-10