Vai a Team World Shop

Lowlow, il rapper italiano rivelazione del 2017 torna con “Incompleti”

LowLow rapper

Lowlow, all’anagrafe Giulio Elia Sabatello, pubblica il nuovo singolo “Incompleti”.

Dopo il grande successo del disco d’esordio “Redenzione” e dei singoli “Supereroi Falliti” (disco di Platino), “Il Sentiero dei Nidi di Ragno” e “Scusate per il sangue”, lowlow, nome di punta dell’hip hop italiano, torna con un nuovo inedito “Incompleti”.

Il singolo segna l’inizio di un nuovo percorso per l’artista che ha dato una scossa alla scena e continua a stupire pubblico e critica.

INCOMPLETI: SIGNIFICATO DEL BRANO

Prodotto da Big Fish il brano mette a nudo le paure e le incertezze nel confronto con se stessi e con i propri sentimenti. Un racconto fra solitudine, ambizione e fragilità, dove l’inquietudine personale diventa un tema universale alla ricerca della propria irraggiungibile completezza e attraverso le strofe trova una possibile risoluzione.

“Come un amuleto spezzato in due frammenti nascosti uno al Polo Nord e l’altro in Antartide. Come la conoscenza di noi stessi. Come un quadro di Pollock che si domanda quale debba essere l’ultima, definitiva pennellata. Incompleti. Questo è il titolo del mio nuovo singolo. Parlo di me ma anche di voi. Inseguite la perfezione e avvicinatevi al Sole, anche se brucia.

La forza che a tratti diventa rabbia, riversata nelle rime, si ritrova nel videoclip, diretto da The Astronauts. In un monologo con se stesso lowlow narra una storia finita, mai iniziata o forse solo immaginata, verso la scoperta di sé e dell’altro.

Linguaggio diretto, ma mai banale, flow fuori dal comune, testi incisivi e di grande impatto emotivo e una poetica fresca capace di catalizzare l’attenzione hanno portato il ventiquattrenne lowlow a occupare un posto di primo piano nella scena musicale italiana.

INCOMPLETI | LOWLOW AUDIO UFFICIALE

CHI E’ LOWLOW

Romano, classe 1993, vero nome Giulio Elia Sabatello, lowlow è cresciuto con i miti di Eminem e Muhammad Alì e ha esordito a soli 13 anni sulla scena romana distinguendosi nelle gare di freestyle.

Dopo i successi con Honiro Label e la partecipazione, insieme a tutti i pesi massimi della scena italiana, alla colonna sonora del film Zeta di Cosimo Alemà, con il pezzo La solitudine del numero 1, lowlow è il primo rapper ad entrare nel roster Sugar. A gennaio 2017 pubblica il suo album d’esordio “Redenzione”. Ulisse, il primo estratto dall’album, è certificato disco di platino. A settembre 2017 pubblica con Mondadori “Tutti zitti devo dire una cosa”.

Grazie alle produzioni firmate da Fausto Cogliati, rispetto alla prima parte della sua carriera, c’è un netto salto di qualità nella scrittura: lowlow parla alla sua generazione, a cui dà voce, ma si fa capire bene anche dal pubblico adulto, caratteristica non così scontata.

lowlow porta il linguaggio del rap su un altro livello in cui la schiettezza non si affida semplicemente al gergo ma rimpasta riferimenti “alti” e “bassi” di un bagaglio culturale composito come può esserlo quello di un ragazzo cresciuto negli anni duemila.