Spatriati è il libro di genere narrativa contemporanea che si è portato a casa l’ambito Premio Strega 2022, annunciato nella giornata di giovedì 7 giugno in diretta TV su Rai 3 dal Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia di Roma.

Il romanzo è nato dalla penna dello scrittore, giornalista e poeta italiano Mario Desiati, originario di Martina Franca, che prima di Spatriati ha pubblicato diverse opere, tra le quali Mare di Zucchero, Candore e Ternitti, libro con il quale era arrivato finalista all’edizione 2011 del Premio Strega.

Spatriati di Mario Desiati

Spatriati di Mario Desiati è disponibile in tutte le librerie italiane, in versione fisica ed ebook, edito da Einaudi.

Se vuoi acquistare la tua copia del libro vincitore del Premio Strega 2022, ecco dove puoi trovarlo:

Offerta
Spatriati
  • Desiati, Mario (Autore)

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Il Premio Strega (@premiostrega)

La sinossi di Spatriati

Claudia è solitaria ma sicura di sé, stravagante, si veste da uomo. Francesco è acceso e frenato da una fede dogmatica e al tempo stesso incerta. Lei lo provoca: lo sai che tua madre e mio padre sono amanti? Ma negli occhi di quel ragazzo remissivo intravede una scintilla in cui si riconosce. Da quel momento non si lasciano piú. A Claudia però la provincia sta stretta, fugge appena può, prima Londra, poi Mi-lano e infine Berlino, la capitale europea della trasgressione; Francesco resta fermo e scava dentro di sé. Diventano adulti insieme, in un gioco simbiotico di allontanamento e rincorsa, in cui finiscono sempre per ritrovarsi. Mario Desiati mette in scena le mille complessità di una generazione irregolare, fluida, sradicata: la sua. Quella di chi oggi ha quarant’anni e non ha avuto paura di cercare lontano da casa il proprio posto nel mondo, di chi si è sentito davvero un cittadino d’Europa. Con una scrittura poetica ma urticante, capace di grande tenerezza, dopo Candore torna a raccontare le mille forme che può assumere il desiderio quando viene lasciato libero di manifestarsi. Senza timore di toccare le corde del romanticismo, senza pudore nell’indagare i dettagli più ruvidi dell’istinto e dei corpi, interroga il sesso e lo rivela per quello che è: una delle tante posture inventate dagli esseri umani per cercare di essere felici.