Candidato ai premi Oscar 2024 nelle categorie miglior film e migliore sceneggiatura originale, Past Lives racconta la storia  di Nora Moon (interpretata da Greta Lee) e Hae Sung (interpretato da Teo Yoo), due amici d’infanzia, nel corso di 24 anni. Durante questo periodo, i due si separano e conducono vite diverse, riflettendo sulla natura della loro relazione. La trama, semi-autobiografica, trae ispirazione da eventi reali nella vita di Celine Song che ha scritto e diretto il film.

Com’è nata la storia del film Past Lives

Una sera, qualche anno fa, Celine Song si trovò seduta in un bar tra due uomini provenienti da periodi diversi della sua vita. Uno era suo marito a New York, l’altro il suo amore d’infanzia venuto dalla Corea. In quel bar, nel ruolo di traduttrice e intermediaria, Song avvertì la strana sensazione di attraversare due dimensioni alternative, fondendole in una sola.

Tra questi due uomini che mi amavano in modi diversi, in due lingue diverse e due culture diverse. E io ero l’unico motivo per cui parlavano tra loro“, ricorda Song. Questo momento, quasi fantascientifico, fu l’ispirazione per “Past Lives”, il suo debutto cinematografico.

Il film si apre con Nora, la protagonista, seduta tra suo marito e il suo primo amore, un’immagine speculare della memoria di Song. Ma non è un classico triangolo amoroso melodrammatico. Song trasforma questa esperienza in un film silenziosamente sconvolgente, interessato alle parti di noi che perdiamo diventando chi siamo e al modo in cui le nostre vite sono plasmate da coloro che amiamo.

Di cosa parla Past Lives

Il film si sviluppa in tre parti, abbracciando paesi e decenni diversi. La trama segue Nora da giovane in Corea, poi in età adulta a Toronto, e infine a New York, dove riceve la visita del suo amore d’infanzia. Una storia ambiziosa e profondamente personale, Past Lives cattura la traiettoria di una vita e riflette su cosa significhi esistere come persona e come si fa la scelta di vivere una vita specifica.

Nonostante l’ampiezza della storia, il film conserva l’intimità e la sensibilità di un’artista con una visione precisa. Magaro, uno degli attori del film, commenta: “Ho lavorato con registi che hanno diretto molti più film e che non hanno la stessa fiducia che ha lei“. La trama complessa riflette sulle diverse fasi della vita di Nora, esplorando l’idea che scegliere una vita significa perderne un’altra.

Il cuore del film è una meditazione risonante sulla natura umana e sulle relazioni. Song afferma: “Parla, a un livello molto semplice, di cosa vuol dire esistere come persona”. Il tema centrale riguarda le scelte di vita di Nora e cosa accade quando il passato riemerge, sottolineando il dolore della perdita e la bellezza delle connessioni umane.

Past Lives non è solo un film sugli appuntamenti, ma un’esplorazione profonda dell’amore e della conoscenza reciproca. Song commenta che è un film “sull’amore” che trascende le aspettative culturali e sociali. La storia, attraverso le sue tre parti, offre una prospettiva unica sull’esperienza umana, evidenziando la complessità e la ricchezza delle relazioni.