Vai a Team World Shop

Testo e traduzione Tan Mía Gemeliers

Gemeliers Mil Y Una Noches

Testo e traduzione del brano “Tan Mía” dei Gemeliers, primo singolo pubblicato in Italia dai fratelli gemelli Jesús e Daniel Oviedo Morilla, tratto dall’album “Mil y Una Noches”, pubblicato nel nostro Paese il 20 Novembre 2015.

Leggi anche | Tutti i modi per incontrare i Gemeliers in Italia

>> SEGUI LA PAGINA FACEBOOK ITALIANA UFFICIALE <<

TESTO TAN MIA

Me pregunto si recuerdas
El valor de las promesas
Que me hicistes al volver de aquel lugar

Donde nadie te aceptaba
Pues tu cuerpo extrañaba
El calor de las personas de un hogar

Cuantas veces me llamaste
Y entre lagrimas juraste
Encadenarte a este amor eternamente

Y ahora viendonos de nuevo
Tu me sueltas un no puedo
Disculpandote, pues todo es diferente

Cuando sientas, cielo mio
Por la noche escalofrios
Son mis dedos resvalando por tu piel

Prometiste amor eterno
Tantos besos que aun conservo
Mentiras pues son para el

Cuantas lunas he llorado
Por tu amor arrebatado
Desgarrada tengo el alma de dolor
Los cristales de tus labios
Se han clavado hasta brotar
La sangre de mi corazon

Como puedes humillarme
Insultar luego marcharte
Destrozandome el veneno de tu piel

Y aun asi le ruego al cielo que ojala pudieras ser
Tan mia
Tan mia

Ha pasado este verano
Se que tu lo has disfrutado
Para mi sin duda ha sido el peor
Y ahora viendonos de nuevo
Comprendi que fue un juego
Entre manos y una piel sin corazon

Tu no olvides que aunque mienta
Disfrazando lo que sientas
Arda en ganas de morir en tu deseo

Pero duele el sentimiento
Al despertar la realidad
Sufriendo, pues ya no te tengo

Cuando sientas, vida mia
Una brisa que te enfria
Es mi alma atravesandote sin mas

Por tus sueños he luchado
Y sin pensarlo te he entregado
Mi vida, y ahora te vas

Cuantas lunas he llorado
Por tu amor arrebatado
Desgarrada tengo el alma de dolor
Los cristales de tus labios
Se han clavado hasta brotar
La sangre de mi corazon

Como puedes humillarme
Insultar luego marcharte
Destrozandome el veneno de tu piel

Y aun asi le ruego al cielo que ojala pudieras ser
Tan mia

Cuantas lunas he llorado
Por tu amor arrebatado
Desgarrada tengo el alma de dolor
Los cristales de tus labios
Se han clavado hasta brotar
La sangre de mi corazon

Como puedes humillarme
Insultar luego marcharte
Destrozandome el veneno de tu piel

Y aun asi le ruego al cielo que ojala pudieras ser
Tan mia
Tan mia

ASCOLTA “TAN MIA” | GEMELIERS



TRADUZIONE TAN MIA

MIL Y UNA NOCHES
ACQUISTA L’ALBUM
>> SU ITUNES <<

Mi domando se ricordi
Il valore delle promesse
Che mi hai fatto al tornare da quel posto

Dove nessuno ti accettava
E il tuo corpo sentiva la mancanza
Del calore delle persone di una casa

Quante volte mi hai chiamato
E tra lacrime hai giurato
Di incatenarti a questo amore eternamente

E adesso vedendoci di nuovo
Te ne esci fuori con un ‘non posso’
Scusandoti, ma tutto è diverso

Quando sentirai, cielo mio
I brividi durante la notte
Sono le mie dita che scivolano sulla tua pelle

Hai promesso amore eterno
Tanti baci che ancora conservo
Le bugie che sono per lui

Quante lune ho pianto
Per il tuo amore rapito
Ho l’anima distrutta dal dolore
I cristalli delle tue labbra
Si sono conficcati fino a far uscire
Il sangue dal mio cuore

Come puoi umiliarmi
Insultarmi e dopo andartene
Il veleno della tua pelle mi soffoca

E nonostante ciò ancora supplico il cielo che tu possa essere
Così mia
Così mia

È finita quest’estate
So che ti sei divertita
Per me senza dubbio è stata la peggiore
E adesso rivedendoci
Ho capito che era un gioco
Si trattava di mani e pelle, ma senza cuore

Te non dimenticarti che anche se mento
Mascherando i miei sentimenti
Brucio per la voglia di morire nel tuo desiderio

Però fa male il sentimento
Allo svegliarsi nella realtà
Soffrendo, perché non ti ho più

Quando sentirai, vita mia
Una brezza fresca
È la mia anima che non ti attraversa più

Ho lottato per i tuoi sogni
E senza pensarci ti ho consegnato
La mia vita e ora te ne vai

Quante lune ho pianto
Per il tuo amore rapito
Ho l’anima distrutta dal dolore
I cristalli delle tue labbra
Si sono conficcati fino a far uscire
Il sangue dal mio cuore

Come puoi umiliarmi
Insultarmi e dopo andartene
Il veleno della tua pelle mi soffoca

E nonostante ciò ancora supplico il cielo che tu possa essere
Così mia

Quante lune ho pianto
Per il tuo amore rapito
Ho l’anima distrutta dal dolore
I cristalli delle tue labbra
Si sono conficcati fino a far uscire
Il sangue dal mio cuore

Come puoi umiliarmi
Insultarmi e dopo andartene
Il veleno della tua pelle mi soffoca

E nonostante ciò ancora supplico il cielo che tu possa essere
Così mia
Così mia